Giovedì 29 e venerdì 30 agosto a Santa Margherita il 3° Bioetica Festival

La terza edizione del Festival di Bioetica a Santa Margherita Ligure è prevista per giovedì 29 e venerdì 30 agosto e verterà su “Il futuro Uomo, Ambiente, Animali”. L’evento, organizzato dall’Istituto Italiano di Bioetica con il sostegno del Comune di Santa Margherita, si misurerà quindi sul grande tema del futuro, declinandolo nella dimensione umana, animale e ambientale.

“Tra i problemi più urgenti vi è la necessità di trovare una via per lo sviluppo sostenibile ripensando i sistemi di produzione e di welfare, esplorando nuovi percorsi per accelerare la transizione verso nuovi modelli economici sostenibili e cogliendo l’intreccio indissolubile tra la protezione dell’ambiente e la salute individuale e collettiva – osserva la professoressa Luisella Battaglia, ideatrice del Festival di Bioetica -. È indispensabile e improcrastinabile quindi fare ‘esercizi di futuro’ provando a immaginare le conseguenze che potranno avere le decisioni che prendiamo oggi sull’umanità attuale, sulle generazioni future e sul destino del nostro pianeta”.

Accanto al programma scientifico (seminari, tavole rotonde e dibattiti), nei due giorni dedicati al Festival della Bioetica a Santa Margherita, sono previste anche mostre d’arte e l’assegnazione del Premio Bioetica Festival 2019.

In particolare, durante le giornate del Festival, sarà possibile visitare a Villa Durazzo, dalle 10 alle 19.30, la mostra di pittura e scultura “Futuro fuori cornice”, a cura della critica d’arte Maria Galasso, alla presenza degli artisti Paolo Carugati, Ornella Gario, Maria Grazia Novaro, Mimmo Padovano e Gabriella Oliva. Previsto il benvenuto in musica di Davide Runcini.

La terza edizione del Festival di Bioetica, allestito tra piazza Caprera e Villa Durazzo, vede la collaborazione di Unesco Chair in Bioethics, Biogem, Università degli Studi di Genova, Ecoistituto Re-Ge, periodico NOIDONNE. È stato richiesto il patrocinio al Comitato Nazionale per la Bioetica, alla Regione Liguria, al Comune di Genova e alla Città Metropolitana, all’Istituto di Tecnologie Avanzate e alla Scuola di Robotica.